Dirittura morale

mastella03.jpg

Dall’intervento di Clemente Mastella in Consiglio dei ministri: «Io con Di Pietro non voglio nessun punto di incontro. La mia dirittura morale è tale che con te [rivolgendosi a Di Pietro, n.d.r.] non voglio avere niente a che spartire. Nè oggi nè in futuro».

Riassunto dell puntate precedenti:

L’inchiesta “Why not” è stata avocata a De Magistris. Cioè tolta, bruciata, scippata. Peccato perchè lui stesso aveva affermato di essere arrivato “molto vicino alla conclusione dell’indagine”. Ora il fascicolo passerà a un altro magistrato, che impiegherà mesi per studiarsi tutti gli atti. Ma in fondo non c’è fretta: abbiamo solo un ministro della Giustizia indagato per abuso d’ufficio, finanziamento illecito ai partiti e concorso in truffa nell’ambito di finanziamenti europei e nazionali.

La tempistica è stata perfetta: proprio ieri gli ufficiali di polizia giudiziaria avrebbero dovuto acquisire atti nella sede de Il Campanile. Come che cos’è? Si tratta dello splendido periodico dell’Udeur. Gli uomini di De Magistris erano a caccia si fatture e soldi che provassero il finanziamento illecito ai partiti. Niente da fare: inchiesta A-VO-CA-TA. E così salta anche la rogatoria a San Marino che avrebbe permesso di ricostruire movimenti e flussi di denaro dirottati dalla Ue in Calabria e magicamente finiti su conti correnti riconducibili a tale Piero Scalpellini, ex consulente di Prodi.

Fronte governo. La solita giornata campale. Succede tutto in poche ore. Mastella va a trovare Andreotti e gli chiede consigli sul da farsi. Poi minaccia dimissioni e crisi di governo. Il Consiglio dei ministri si riunisce, Prodi sgrida Di Pietro e conferma la fiducia al ministro della Giustizia. Mastella ringrazia: “Era quello che volevo”. Intanto al Senato arriva la Finanziaria. L’Unione si salva per un voto: 158 a 157. Decisivi i voti di Andreotti e Colombo. I salvatori della patria hanno 175 anni in due.

Delirio verde. Intanto Pecoraro-Scanio annuncia ai quattro venti che il governo ha approvato il “paccheto” Amato sulla sicurezza. Ma è uno scherzo: mezz’ora dopo si scopre che è tutto falso. I ministri si sono divisi sui vari punti e il voto sul testo è stato rinviato alla prossima settimana. Peccato perchè il provvedimento avrebbe colpito proprio i più pericolosi criminali-terroristi-assassini del Paese: i graffittari e i venditori ambulanti.

One Response to Dirittura morale

  1. […] aggiungiamo noi. Ma Mastella &C, in fondo, hanno ragione. Del blitz alla sede de Il Campanile ne avevamo parlato su questo blog già tre giorni fa. Ora, se di questa operazione eravamo venuti a conoscenza noi, volete che non lo sapessero i […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: