Walter Texas Ranger

veltroni02

A Roma una donna è stata aggredita, trascinata in una baracca, violentata e abbandonata in fin di vita in un fosso. Per questa drammatica vicenda un rumeno di 24 anni è stato arrestato. La politica non è stata a guardare. E ha agito in preda alle emozioni del momento. Attenzione ai tempi:

Ore 17.00 – Veltroni convoca di corsa una conferenza stampa al Campidoglio. Denuncia la gravità dell’accaduto. Il suo intervento incalza il governo: “E’ necessario assumere iniziative straordinarie e di urgenza sul piano legislativo. Il pacchetto sicurezza va benissimo, ma si tratta di disegni di legge. I prefetti debbono avere il potere di espellere quelli che in passato si siano resi responsabili di reati contro cose o persone”.

Ore 17.45 – Il sindaco si precipita al Viminale per un summit con il ministro dell’Interno Amato. Calderoli protesta: “Se le avessimo dette noi quelle cose, ci avrebbero dato dei razzisti…”. I toni del segretario del Pd sono più sempre più duri e mirati: “Tutti questi episodi sono purtroppo riconducibili a un’unica matrice, il massiccio arrivo di cittadini comunitari, al 75 per cento romeni”.

Ore 18.15 – Dal Colle interviene Napolitano. Rende noto un messaggio appena inviato al marito della vittima, dove si “richiama ancora una volta l’attenzione delle istituzioni sulla necessità di compiere ogni sforzo per garantire il bene prezioso della sicurezza e della vita dei cittadini”. In pratica il Capo dello Stato dice al governo che è ora di passare ai fatti. 

Ore 19.00 – Prodi convoca d’urgenza un Consiglio dei ministri straordinario che poco dopo varerà il decreto per facilitare il rimpatrio degli stranieri comunitari. La sinistra radicale non può fare altro che accettare il diktat veltroniano. Intanto il centrodestra brancola nel buio: dai suoi esponenti piovono una raffica di dichiarazioni, ma ormai la scena è stata conquistata da Veltroni. Lo sceriffo del giorno è lui.

Ore 20.00 – Sui telegiornali serali impazzano le immagini del sindaco di Roma, vero motore dell’iniziativa governativa e protagonista indiscusso della vicenda.

Nella gloriosa giornata dell’emergenza criminale (?), il governo ha tirato fuori il pugno di ferro e si è scoperto decisionista. Si è anche capito che Veltroni non ha intenzione di stare a guardare. Ormai promosso a premier-ombra il segretario del Pd ha dato prova di febbrile attivismo. Con qualche scivolata dai toni più leghisti che gandhiani: “Prima dell’ingresso della Romania nell’Ue, Roma era la città più sicura del mondo”. 

3 Responses to Walter Texas Ranger

  1. fabio zama ha detto:

    Non è strano che l’orribile atto compiuto da un rumeno nella tranquilla periferia di Roma Nord faccia più rumore che i sessanta e passa italiani uccisi da italiani a Napoli dall’inizio dell’anno?

  2. Marco B. ha detto:

    Walter Texas Ranger dopo il Well-Trony MAANCHISTA .. NO, SERENAMENTE&PACATAMENTE di Crozza è la più bella che ho sentito!
    COMPLIMENTI!

  3. Laura ha detto:

    Cosa c’entra Fabio, allora quanti paragoni si possono fare? Insomma bisogna anche vedere come si viene uccisi e perché………si fa bene a dare risalto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: