Ultima spiaggia

berlusconi

E se si rivelasse tutto un grande “bluff”? Se il governo superasse la prova della Finanziaria?  Berlusconi comincia a temerlo. Per lui sarebbe probabilmente l’inizio della (sua) fine. Al Senato il governo regge ancora. E il Cavaliere si gioca un pezzo consistente di reputazione politica. Se il 15 novembre Prodi sarà ancora al suo posto, per Berlusconi sarebbero grane. Gli stessi suoi alleati della Cdl si preparano a presentargli il conto dell’ennesima sconfitta.

O la va o la spacca. Tutto o niente, dunque. Se gli va bene, torna a Palazzo Chigi per la terza volta. Sarebbe la sua grande rivincita. Nulla fa credere invece che Berlusconi abbia voglia di tirare la carretta del centrodestra all’opposizione per un altro anno o magari due, o tre. C’è chi dice che sia stufo. Di certo lo sono i suoi alleati. E’ l’ultima chance che danno a Silvio: o il governo cade sulla Finanziaria oppure si ridiscute tutto. Casini, Fini e anche Bossi non sarebbero disposti a candidare un vecchietto come Berlusconi (oggi ha 71 anni) fra un anno o più. Il suo tempo sarebbe inesorabilmente scaduto.

Silvio è immobile. Più che investire sul futuro, spreme quanto può dal presente. Perfino il Milan ne sta facendo le spese. Lui non caccia più un euro. E sul fronte politico la musica non cambia. Partito unico per la destra di domani? Sì, no, boh, vedremo. Fini sarà il successore? Certo, anzi no, anzi forse. Prima Michela Vittoria Brambilla e i suoi Circoli vengono finanziati con 200 milioni di euro, poi Berlusconi congela tutto per la gioia dei vecchi notabili di Forza Italia, da Tremonti a Cicchitto, da Bondi a Bonaiuti. E il problema è che questi sono personaggi politicamente mediocri (per usare un eufemismo). Senza il comandante in capo verrebbero spazzati via dalla scena politica. Per la gioia di Fini.

One Response to Ultima spiaggia

  1. […] Il grande burattinaio della spallata avrebbe dovuto essere Renato Schifani, capogruppo di Forza Italia al Senato. E’ a lui che il Cavaliere ha affidato il compito di fare cadere il governo. Un deputato di Forza Italia adesso riferisce che all’assemblea del gruppo di Fi, Schifani avrebbe formulato la tanto amara confessione: “Nessuno del centrosinistra passerà con noi. Non ce la faremo a far cadere il governo”. I coleghi di partito non l’hanno presa bene. Pisanu ha bollato Schifani con l’aggettivo “inesistente”. E Silvio, ovviamente, è in preda al panico. Il padano Castelli lo attacca un giorno sì e l’altro pure: “Non venite a chiedere a noi perché Berlusconi ha sopravvalutato le divisioni nella maggioranza”. Tempi duri per il Cavaliere: sta andando in scena il suo tramonto politico. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: