Una Cosa Bianca per Veltrusconi

casini04.jpg

L’inciucio Veltroni-Berlusconi non piace (quasi) a nessuno. A sinistra serpeggia il panico. “Il Cavaliere è inaffidabile, cambia idea un giorno sì e l’altro pure”. Secondo Boselli “l’unico risultato, alla fine, sarà fare cadere il governo Prodi”. Fabris, uomo ombra di Mastella, per inquadrare la situazione rispolvera il celebre detto di Ricucci: “Qualcuno fa il finocchio con il culo degli altri”. E Prodi continua a tacere.

A destra stanno pure peggio. Berlusconi ha invitato Fini e Casini ad aderire al nuovo scintillante Partito (del Popolo) della Libertà. Agli alleati Silvio chiede unità. Loro continuano a rispondere picche. Il leader di An accusa il Cavaliere di “nuovo trasformismo”. Dalle parti della Lega l’ira cresce di ora in ora. A metà giornata Bossi si dice “sospettoso” delle finalità dell’intesa tra Berlusconi e Veltroni. In serata rilascia una pacata intervista a La Stampa: “Se provano a fregarci scoppia la rivoluzione”. Insomma, la solita storia dei bergamaschi con i fucili pronti a marciare su Roma.

Solo uno tace: si chiama Casini. Certo, Pierferdi non ha nessuna intenzione di aderire al partito del Cavaliere. Ma il leader dell’Udc, zitto zitto, sta lavorando alla sua nuova creatura: la Cosa Bianca. Il sistema proporzionale a cui pensano Veltroni e Berlusconi favorirebbe la rinascita della Democrazia cristiana: un partito di centro che costituirebbe l’ago della bilancia del nuovo sistema politico. I sondaggi lo accreditano al 10-15%. Chi ne farebbe parte? Pezzotta, Mastella, forse Dini, probabilmente Di Pietro, e quindi Tabacci, Baccini, Pisanu, Marini e chi più ne ha più ne metta. E poi c’è l’asso nella manica: il pluripresidente Luca Cordero di Montezemolo. A maggio gli scade pure il mandato in Confindustria: il Signor Ferrari è pronto per la discesa in campo.

La nuova Dc diventerebbe il passaggio obbligato in cui si fanno e si disfano i governi. Per molti è uno scenario da incubo. Ma a Veltroni e Berlusconi il progetto piace. L’alleanza con la Cosa Bianca libererebbe Walter dall’abbraccio della sinistra radicale. Idea non insensata: se non fosse che anche Berlusconi pensa ad una Cosa Bianca targata Montezemolo per abbandonare al suo destino proprio la destra dell’ex amico Fini. Tanto, come ama ripetere il Cavaliere, lui i missini li ha “tirati fuori dal fango” e lui ce li ributta. Ecco la Nuova Sfavillante Terza Repubblica Italiana. Identica alla Prima. 

One Response to Una Cosa Bianca per Veltrusconi

  1. spadafora_live ha detto:

    forse e’ proprio questo il rischio maggiore che corriamo.
    la nuova BALENA BIANCA, pensa che bello dopo 15 anni ritorniamo alla DC senza passare dal via.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: