L’aquila di Silvio

Da Cologno Monzese a Strasburgo. O – se preferite – da “Ok il prezzo è giusto” al Parlamento europeo. Iva Zanicchi ce l’ha fatta. E’ diventata eurodeputato grazie al turn over elettorale di metà aprile. Nel 2004 rimase fuori per un pugno di voti, quando già si preparava a fare i bagagli: prima tra gli esclusi. Ma per l’aquila di Ligonchio è arrivato il tempo della rivincita.

La colpa è di Mario Mantovani, parlamentare europeo eletto senatore tra le file del Pdl e nominato da pochi giorni sottosegretario alle Infrastrutture. L’Iva nazionale è stata automaticamente eletta proprio grazie alle dimissioni di Mantovani. “I bambini e gli anziani saranno i miei primi impegni”, promette la Zanicchi. Dopo due cocenti trombature per la figlia dell’Emilia rossa fulminata sulla via di Arcore arriva l’atteso successo. E fa niente se con quattro anni di ritardo. La tre volte vincitrice di Sanremo siederà a Strasburgo. Ed è una fortuna: in caso di rinuncia della cantante e conduttrice il posto sarebbe andato ad Alessandro Cecchi Paone. 

2 Responses to L’aquila di Silvio

  1. ross ha detto:

    Della serie”Non c’è scampo”

  2. http500 ha detto:

    che culo, ci è andata di lusso! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: