Pd, Montalbano segretario

E se Walter si stufasse e se ne andasse in Africa?. La lobby che fa capo a Goffredo Bettini, uomo forte di Veltroni, prende in considerazione anche questa ipotesi. Nel Pd sono giorni di passione, Parisi ha chiesto la testa del capo, Cuperlo implora il ricambio generazionele e Di Pietro mena come un fabbro (“Il Pd fa la ruota di scorta a Berlusconi”).

E poi, al solito, D’Alema si muove. L’ex ministro degli Esteri ha presentato ieri l’associazione ReD: “Non romperemo le scatole a Walter”, promette Massimo. Fioroni sdrammatizza: “Quelli sono i tifosi di ItalianiEuropei, tipo un Inter club”. Il problema è che D’Alema è cattivo anche quando manda segnali di pace: “Nessuno ci classifichi come corrente, siamo piuttosto il software del Pd”. Come dire: se i contenuti non ce li mettiamo noi qui finisce male… Certo, per ora la questione del ricambio del leader è stata posta soltanto da Parisi. Ma è anche vero che il tema del dopo-Veltroni per la prima volta comincia ad occupare le chiacchiere e le riunioni delle correnti interne.

Già da settimane un drappello di quarantenni veltroniani – Andrea Orlando, Alessandro Maran, Maurizio Martina, Andrea Martella e Nicola Zingaretti – si incontrano e sotto la regia di Bettini e ragionano attorno a due scenari entrambi temuti: che succede se Veltroni, stanco delle tanti ostilità interne, non regge e decide di mollare? E che succede se invece Walter sarà costretto a lasciare dopo una possibile flessione del Pd alle Europee del 2009? Proprio gli stessi interrogativi che si pone la cricca dalemiana. E dai due circoli escono tentazioni analoghe: quando bisognerà trovare un successore, si salterà la generazione dei 40-50enni “bolliti” (Bersani, Letta, Chiamparino, Bindi) e si lancerà nella mischia uno splendido quarantenne meno sperimentato.

Tra i veltroniani il nome che tira di più è quello di Nicola Zingaretti. Quarantadue anni, romano, fratello minore di Luca – commissario Montalbano – Zingaretti, Nicola è salito alla ribalta nazionale 45 giorni fa, quando è stato eletto presidente della Provincia di Roma ottenendo a Roma 59mila voti in più di tale Francesco Rutelli. Zingaretti è un “giovane vecchio” con un cursus honorum da politico di una volta: segretario della Sinistra giovanile, consigliere comunale, segretario dei Ds di Roma, europarlamentare. Dall’altra parte della barricata c’è Gianni Cuperlo, un “vecchio giovane” pupillo di Massimo D’Alema. Quarantasette anni, triestino, una spessore culturale insolito per un politico, un blog molto letto, nell’ultima Assemblea nazionale ha chiesto ai vecchi leader di fare un passo indietro. Bersani la mette così: “Non basta essere giovani, serve anche esperienza e credibilità”. Come dire: fermi tutti, adesso tocca a me.

One Response to Pd, Montalbano segretario

  1. guisito ha detto:

    Ma D’Alema, Veltroni, Bersani, Letta, Chiamparini, Montalbano… ma andassero a morì ammazzati tutti quanti. Non ne voglio sapere più. Io, come ho detto alla cara amica Cristiana, c’ho la Macchina del Tempo. Io mo’ piglio e me ne vado nel XVIII secolo. E poi so c..i vostri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: