Un panino in riva al Piave

Il problema non è Mameli, e tanto meno il Piave che mormorava calmo e placido al passaggio dei primi fanti il 24 maggio. Qui siamo al 22 luglio, mezza Italia è in spiaggia e Bossi si diverte che neanche a Pontida. Il Senatùr detta l’agenda a tutti, dal governo all’opposizione, da Fini a Napolitano, da Berlusconi ai giornali, ai blog. Il suo dito medio (e non è la prima volta) s’erge al centro della vita politica italica.

Del fatto in sè, lo scandaloso gestaccio oltraggio all’onore della Patria, non gliene frega niente a nessuno. Tanto meno a lui, l’Umberto, che si gode il pomeriggio di passione standosene seduto in Transatlantico a fare merenda (in barba ai regolamenti). Un bel panino al prosciutto e un bicchiere di Coca-Cola proprio mentre Gianfranco Fini e Renato Schifani concludono le rispettive ramanzine chiedendo “più rispetto per lo Stato”. La polemica monta, è un diluvio di dichiarazioni. Napolitano plaude ai presidenti di Camera e Senato, Veltroni punzecchia il premier che non prende posizione sull’argomento, la Lega fa quadrato attorno al capo.

“Ma va là, … se Gianfranco se ne stava zitto era meglio”. Bossi se la ride. Qualche ora prima aveva spiegato che le polemiche sull’inno erano solo robaccia strumentale ma che comunque a lui la poesiola di Mameli non va proprio giù. “Nell’inno c’è anche scritto che i bambini italiani si chiamano “balilla””, aggiunge l’Umberto rinfacciando a Fini i suoi trascorsi fascisti. E vagli a spiegare che l’inno è stato scritto 70 anni prima dell’avvento del fascismo e che il verso in questione è dedicato ad un patriota genovese del ‘700 detto, appunto, Balilla. Stesso discorso per “la schiava di Roma”: Mameli lo riferiva alla vittoria, Bossi – com’è ovvio – alla Padania. 

Il Pd coglie la palla al balzo e tuona contro Berlusconi reo di essersi alleato con gli impresentabili padani. E fa niente se qualche centinaia di metri più in là D’Alema flirta con Maroni discutendo amabilmente di federalismo fiscale. Parisi non si lascia sfuggire la ghiotta occasione per il solito regolamento di conti interno al Pd: “Io chiedo: com’è possibile trattare con chi oltraggia l’unità della Repubblica?”. La Mussolini durante l’intervento fa risuonare in aula le note dell’inno nazionale. Borghezio dice che “Bossi è un patriota”. Lo spettacolo va scemando, l’Umberto decide di telefonare a Silvio. Il Cavaliere gli conferma che non ha nessuna intenzione di intervenire contro la sua sparata. Bossi incassa, il dito medio ha pagato.

3 Responses to Un panino in riva al Piave

  1. tito ha detto:

    strano paese il nostro,tutti si ergono a paladini della patria quando un “comico” definisce napolitano “morfeo”,quando una comica ironizza sulla ministra carfagna alias “bocca di rosa”. ma definisce “folcloristico” un ministro della repubblica per le sue esternazioni,oppure quando il “presidente dei senatori del pdl” afferma «La cloaca del Csm è uno scandalo che offende gli italiani» continuiamo così,facciamoci del male…

  2. Marco B. ha detto:

    @palombella rossa | 20.07.08 19:52
    Cominciamo da Bossi, andiamo avanti per Calderoli, e proseguiamo con Borghezio.

    PASSAPORTO E ANDALE!!!!

    .. troppo buono sig. palombella rossa .. prima 18 mesi di “detenzione” – tipo la quarantena degli appestati – nei CPT .. e tanto BUM BUM nello sbirignao ..
    Liberiamoci del R I G U R G I T O di F E C C I A (S)F A S C I S T A che è RITORNATO sia al NORD che al SUD(l’ASSEMILANO-ROMA_PALERMO) .. estendiamo la REGOLA a coloro che li VOTANO!!
    E’ ora di rimettere in moto le BRIGATE PARTIGIANE alle quali presero parte tra l’altro il Presidente Sandro Pertini e il GRANDISSIMO Enzo Biagi .. SVEGLIA ITALIANI l’ITALIA ci CHIAMA a COORTE!!

    Postato da: il partigiano | 20.07.08 21:11

  3. tano distefano ha detto:

    In tutta questa gazzarra l’unica cosa che si può ammirare è la faccia di bronzo di Mr B e dei suoi amici. Veltroni dovrebbe imparare da loro a difendere i propri compagni di barricata (vedi Di Pietro) anzichè smaniare per dissociarsi-indignarsi e correre a dire “noi l’opposizione non la facciamo mica così”. Questo PD così benpensante e politicamente corretto ha le palle mosce. Ed i giorni contati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: