Ragazzi di vita

2 luglio 2008

La canicola estiva miete vittime in Parlamento. L’Italia triste e frustrata spegne i tg e prepara le valigie per le vacanze. Conquistare qualche titolo sui giornali diventa un’impresa anche per la navigata classe dirigente. In questo inizio d’estate svettano in due: Berlusconi e Di Pietro. Il Cavaliere sciupafemmine e l’ex pm trebbiatore. Agli altri restano le briciole. Veltroni pare un agnello in mezzo ai lupi.

Dagospia la mette giù drammatica: “Tic-tac, tic-tac. Come una bomba a orologeria. Ancora 8-giorni-8 di tempo per pubblicare le intercettazioni hard-core by Silvio & Girls. Perché il 9 luglio il gup di Napoli dovrà decidere se rinviare a giudizio la premiata coppia Saccà-Berlusconi oppure archiviare tutto e mandare al macero le quasi 9 mila intercettazioni perché penalmente non rilevanti”. Certo è che nelle redazioni dei giornali qualche intercettazioni circola. Si vocifera di telefonate parecchio imbarazzanti tra il Cavaliere e le sue pupille, in primis la bella Mara. “Roba da brividi”, dicono alcuni. Per altri è solo “un settantenne che gioca a fare il play-boy”. Ma in Italia sulle donne non si scherza.

Ora manca solo un direttore con il coraggio – o la follia, fate voi – di pubblicare le intercettazioni. Forse al Cavaliere non dispiacerebbe neppure troppo. Veronica lo scaricherebbe definitivamente ma l’ammirazione degli italiani per un arzillo vecchietto con il vizio delle femmine è garantita. Il Pdl fiuta sangue: la pubblicazione delle telefonate piccanti sarebbe il viatico migliore per far passare – magari a larga maggioranza – una legge restrittiva sulle intercetazioni. Su questo punto i dalemiani, memori della vicende Unipol, sono molto sensibili. Walter corre sul filo, stretto tra l’offensiva girotondina e le pressioni dell’amico Massimo. Il risultato rasenta la schizofrenia: Veltroni sostiene che il lodo-Schifani può andar bene ma che debba entrare in vigore dalla prossima legislatura.

Dall’altra parte della barricata è andata in scena la trasfigurazione agreste di Di Pietro. Tonino passa la domenica a Montenero di Bisaccia in calzoni corti e il lunedì torna in Parlamento a lavorare di vanga in giacca e cravatta. L’ex pm dà sfogo alle vocazioni neogirotondine e convoca quella manifestazione nazionale che Veltroni non ha avuto il coraggio di convocare. Insomma, nell’opposizione le danze estive le mena Tonino, che in predia alla smania epistiolare scrive lettere a tutti. A Beppe Grillo per annunciare che l’8 luglio si scende in piazza . A Walter per dirgli “basta indugi, venite a manifestare con noi”. Al Loft declinano con un seccato “no grazie”. Ovviamente la risposta Di Pietro la conosceva già, ma ora potrà dire che a rompere per primo è stato Veltroni.

“L’unica opposizione sono io”, ripete da mesi Di Pietro. Il guaio è che adesso sembra vero. Qui si trebbia, signori, i neogirotondini vanno avanti con il trattore. E pazienza se nella triturazione ci finisce Walter al posto di Silvio. Furio Colombo, Pancho Pardi e Paolo Flores d’Arcais gongolano: “Tutti in piazza per la democrazia e contro le leggi-canaglia”. Il professore di Firenze poi si fa prendere la mano quando scrive sul blog: “Un silenzio plumbeo calerà su tutta l’informazione”. E vagli a spiegare che è da due settimane che non si parla d’altro. Sta di fatto che l’idea del referendum abrogativo alla norma “salva-premier” trascinerà la gente in piazza. Grillini e dipietrini vanno di fretta, hanno il popolo che li aspetta. Dove popolo significa anche migliaia di elettori del Pd.


Se telefonando…

9 giugno 2008

Le danze le ha aperte Berlusconi promettendo cinque anni di galera per chi esegue o pubblica intercettazioni telefoniche. La materia è delicata ma al Cavaliere sale immediatamente il sangue agli occhi. Silvio ha spiegato che faranno eccezione i casi di lotta alla mafia o al terrorismo. A parte Dell’Utri e Bin Laden, insomma, le chiacchiere via filo o via etere saranno sacre. Magistrati e giornalisti hanno protestato, senza esagerare.

La buona notizia è che la sparata di Berlusconi mette a rischio il dialogo con Veltroni. Il barometro dei rapporti Pd-Pdl segna tempesta. Alla sinistra la chiamata alle armi ricorda tanto le leggi “ad personam”. Di Pietro parla di “progetto criminogeno” e sventola la minaccia del referendum: per Silvio sarebbero dolori. Veltroni si accoda all’ex pm e definisce le norme “gravi e sbagliate”. La Lega ha un sussulto di orgoglio. Castelli spiega che le intercettazioni non si possono limitare a “mafia e terrorismo” ma vanno mantenute anche per i reati di corruzione e concussione. Il Cavaliere per ora tace ma non sembra intenzionato a indietreggiare. Nell’attesa è bene ricordare che cosa non avremmo mai saputo se la stretta annunciata da Berlusconi fosse entrata in vigore qualche anno fa.

Un Paese alla cornetta. C’era Saccà che giurava fedeltà al capo: “Presidente, lei è amato nel Paese, glielo dico senza piaggeria”. C’era Silvio che chiedeva al dirigente Rai di assumere le attricette giuste. In particolare “Evelina Manna […], perchè mi è stata richiesta da qualcuno con cui sto trattando”. E nella trattativa – Silvio lo sa bene – tutto è permesso. Soprattutto se il destino del governo Prodi era apesso alla carriera di una velina. Il Cavaliere, furisoso, spiegò: ho solo cercato di far lavorare delle povere ragazze. Anche perchè “in Rai lavori solo se sei di sinistra o ti prostituisci”. Vittorio Emanuele, di fronte al magistrato, la mise così: “Come mai questa ossessione per le donne? Sa com’è, sono un sessuomaniaco”.

Ora, prostituzione a parte, lo spaccato è da brividi. C’era D’Alema che esultava al telefonino, “abbiamo una banca”. E a Consorte diceva: “Facci sognare”. Con ironia esordiva: “Pronto? Lei è quello di cui parlano tutti i giornali?”. E poi c’era Giampiero Fiorani, il banchiere di Lodi che si vide autorizzare a notte fonda una scalata da un cattolicissimo governatore di Bankitalia. Il dialogo con Fazio è memorabile: “Ahhh Tonino, sono commosso, ti ringrazio, ti ringrazio… Guarda, ti darei un bacio in questo momento, sulla fronte ma non posso farlo. […] Prenderei l’aereo e verrei da te in questo momento se potessi”. C’èra il capo della Polizia Gianni De Gennaro che invitava il questore di Genova a mentire sulla notte del G8 alla scuola Diaz.

E poi la genialità linguistica di Stefano Ricucci. L’immobiliarista di Zagarolo rimproverava i compagni di scalata che si credevano troppo astuti: “Aho, e che stamo fa’, i furbetti del quartierino?”. Simpatico anche l’erede savoia che, programmando il suo soggiorno a Roma in occasione di una visita in Vaticano, chiedeva al segretario di portargli una “bella pucchiaccha, o al limite una suora”, giusto per allietare la nottata nella Capitale. E Moggi? Ve lo ricordate Moggi? Big Luciano parlava direttamente con il designatore arbitrale Bergamo: “Aho, ecco la griglia che me so’ studiato…”. Deborah Bergamini, dirigente Rai, spiegava al suo omologo Mediaset Mauro Crippa come trattare le elezioni. E poi Guzzanti che chiaccherava con Scaramella, le trimalcionerie di Vallettopoli, Salvo Sottile e la Gregoraci. Vespa che rassicurava i camerati di An: “La puntata a Fini possiamo confezionargliela su misura”.

Certo, queste intercettazioni non sono sempre penalmente rilevanti. L’accusa suona più o meno così: “Chi le pubblica è un manettaro e non rispetta la privacy”. Ma senza intercettazioni sui giornali Fazio sarebbe ancora al suo posto, Moggi avrebbe avuto tempo di rubare un altro paio di scudetti, D’Alema e Fassino probabilmente non avrebbero investito Veltroni della leadership del Pd e da pochi mesi sapremmo che Cuffaro incontrava mafiosi. Le intercettazioni svelano spesso affreschi illuminanti, gettano luce su scenari incredibili, squarciano veli di autenticità su universi di potere. Ci raccontano un’Italia che neanche i più cinici avevano azzardato immaginare. Un’Italia ignorante e violenta, comica e arrogante. Un Paese da osteria.